Benessere e colori… nel piatto

Benessere e colori… nel piatto
6 Aprile 2017 Il Mercato Verde

Benessere e colori… nel piatto!

Giallo, rosso, blu-viola, bianco e verde: avete mai fatto caso ai colori che compaiono nei vostri piatti?

A ogni colore corrisponde una serie di caratteristiche e funzioni determinate dal tipo di vitamine, sali minerali, maggiore o minore acidità, effetti sul corpo etc.

Vediamo di cosa si tratta in questa interessante rassegna della nostra naturopata Laura Padovese.

Giallo – arancio

A dare il colore giallo (colore antitristezza per eccellenza) sono leutina e zeaxantina, due sostanze antiossidanti che rinforzano la vista.

Per esempio: limoni, pompelmi, arance, mandarino, albicocche, pesca, papaia, melone, ananas, cachi, uva bianca, prugna gialla, banana peperoni, mais, zucca, carota, tuorlo d’uovo oli vegetali

Gli alimenti gialli sono i più ricchi di vitamina C che rafforza le difese del sistema immunitario ha un effetto depurativo su tutto l’organismo, in particolare adatti a disintossicare il fegato e la cistifellea.

Gli alimenti arancioni sono ricchi di enzimi che favoriscono la digestione e di vitamine. Potenziano il sistema immunitario. Hanno tutti un contenuto blandamente acido e mantengono in efficienza il sistema digerente e contengono inoltre carotene che protegge le cellule dall’invecchiamento.

 

Rosso

È il colore della forza, antidepressivo, stimolante e usato contro molti disturbi dell’apparato respiratorio.
Per esempio: pomodoro, fragola, prugna, ciliegia, cocomero, mela rossa, arance rosse, ribes, anguria, barbabietola, peperone rosso, peperoncino, ravanelli.

La frutta e la verdura rossa sono ricche di Licopene e di antocianine che prevengono le malattie cardiovascolari, limitano lo sviluppo di tumori (è dimostrata l’azione specifica protettiva del Licopene sulla crescita del tumore alla prostata) stimolano le difese immunitarie e i processi di guarigione della pelle.

Il colore rosso stimola il metabolismo, riattiva le funzioni dell’ultimo tratto dell’intestino facilitando l’eliminazione delle scorie e porta energia alle ghiandole surrenali e al sistema nervoso autonomo.

Licopene e antocianine facilitano inoltre il drenaggio dei liquidi e la circolazione vascolare.

Si ha bisogno di questi alimenti quando ci si sente abbattuti o si hanno carenze di ferro, poiché l’ossido di ferro è notoriamente rosso.

Gli alimenti rossi sono anche depurativi e, grazie al loro alto contenuto di potassio, rinnovano le energie vitali.

 

Blu -viola

I cibi blu-viola contengono le antocianine che contribuiscono a migliorare e proteggere la vista, la struttura dei piccoli vasi sanguigni (capillari) e prevengono il deposito di colesterolo sui vasi, l’aterosclerosi e migliorano la funzionalità renale

Per esempio: melanzane, broccoli, cavoletti, frutti di bosco, uva nera, radicchio, fichi, prugne, ribes, more, cavolo cappuccio viola.

Tra i prodotti del gruppo blu-viola, il ribes e il radicchio sono ottimi antiossidanti perché ricchi di vitamina C e protagonisti nella formazione della carnitina e del collagene.

Il radicchio inoltre – come fichi, ribes, more e prugne – contiene il potassio che protegge il tessuto osseo e diminuisce il rischio di patologie cardiovascolari e l’ipertensione. Di magnesio sono ricche le melanzane povere invece di calorie.

I frutti di bosco curano la fragilità dei capillari e prevengono le infezioni del tratto urinario, sono amici di un intestino sano con la loro fibra solubile che regola l’assorbimento degli altri nutrienti e alimenta la flora microbica intestinale.
Ancora: nel blu-viola ci sono alimenti ricchi di fibra e di carotenoidi, attivi contro tumori, patologie cardiovascolari incluso l’ictus, cataratta, invecchiamento cellulare, patologie neurodegenerative e invecchiamento cutaneo.

I cibi che vanno dal viola all’indaco sono particolarmente ricchi di magnesio e di altri elementi fondamentali per le funzioni cerebrali.

 

Bianco

Il bianco è dato dalla quercetina, i cibi bianchi sono ricchi di potassio, vitamina C, polifenoli, composti solforati e flavonoidi. Sono ricchi di fibre e sali minerali, permettono di rinforzare il sistema scheletrico, le ossa e l’apparato cardiocircolatorio, rendendo più fluido il sangue.

Per esempio: mela, sedano, pere, finocchi, porri, cipolle, funghi, cavolfiore


I porri, le cipolle e l’aglio contengono un particolare composto detto allucina: un potentissimo antiossidante.

Tutti contribuiscono a ridurre naturalmente i livelli di colesterolo nel sangue.
Questi alimenti svolgono una benefica azione sul sistema nervoso, sul cervello e sulle facoltà intellettive superiori.

 

Verde

Il verde è il colore dell’equilibrio energetico, calmante disintossicante e persino antinfluenzale.

Tutte le verdure e gli ortaggi di colore verde e legumi sono ricchi di clorofilla, magnesio, selenio, carotenoidi, luteina, polifenoli e vitamina C che favoriscono il buon funzionamento del sistema vascolare e la conduzione degli impulsi nervosi e aiutano a regolare il metabolismo dei grassi e degli zuccheri.

Per esempio, piselli, fave, kiwi, spinaci, broccoli, asparagi, cetrioli, basilico, carciofi, prezzemolo, insalata verde, zucchine.

Il magnesio poi è fondamentale in numerosi processi enzimatici che intervengono nell’assorbimento del calcio, del fosforo, del sodio e del potassio, minerali preziosi per irrobustire le ossa, i vasi sanguigni, la vista e i denti.

Polifenoli e Vit C hanno un’azione antitumorale sulla crescita cellulare anomala, sono eccellenti depurativi del sangue, favoriscono il drenaggio linfatico e irrobustiscono il sistema cardiocircolatorio.

Questi consigli sono da inserire in una corretta alimentazione e sotto il diretto controllo di un medico.

© Riproduzione riservata.

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*