Consigli per rafforzare le difese immunitarie

Consigli per rafforzare le difese immunitarie
29 Febbraio 2020 Il Mercato Verde
In BIOInformAZIONE

Ce lo chiedete in tanti, ma per rafforzare le difese immunitarie – lo sapete benissimo –  bisogna innanzitutto mangiare alimenti sani,  fare attività fisica, senza dimenticare di nutrire la nostra anima.

Tuttavia, possiamo aiutare il nostro corpo con qualche integratore: ASTRAGALO, INFEVIS-T e ROSA CANINA.

ASTRAGALO [60 pastiglie, Dr. Giorgini]: pianta della famiglia delle Fabaceae (Astragalus membranaceus). Conosciuto per le sue proprietà immunostimolanti, adattogene e disintossicanti, è utile per sostenere le difese del corpo. Promuove il mantenimento delle naturali difese dell’organismo e, inoltre, svolge una benefica azione tonico-adattogena utile per contrastare la stanchezza fisica e mentale

INFEVIS-T   [60 pastiglie, Dr. Giorgini]: integratore a base di erbe, istidina, sali minerali e vitamine.

  • Echinacea e chiretta favoriscono le funzionalità delle prime vie respiratorie e, insieme alla baptisia, promuovono le naturali difese dell’organismo
  • Timo, baptisia e pioppo nero coadiuvano il benessere di naso e gola, mentre origano e timo sono utili per la fluidità delle secrezioni bronchiali
  • Ferro, zinco, rame e vitamina B6, B12, C e acido folico, contribuiscono alla normale funzione del sistema immunitario

ROSA CANINA [500 grammi di estratto titolato al 50%, Dr. Giorgini]: La rosa canina può svolgere un’azione di sostegno e ricostituente. È naturalmente ricca di vitamina C che possiede molteplici proprietà:

  • favorisce il metabolismo energetico, riducendo la stanchezza e l’affaticamento;
  • protegge le cellule dallo stress ossidativo e rigenera la forma ridotta della vitamina E;
  • contribuisce alla normale funzionalità del sistema immunitario, del sistema nervoso e della funzione psicologica;
  • promuove la formazione del collagene aiutando a mantenere le normali funzioni di vasi sanguigni, ossa, cartilagini, pelle, denti e gengive;
  • incrementa l’assorbimento del ferro.

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*